Il NIRS DS3

Il NIRS DS3 è uno strumento prodotto dalla ditta Foss che può essere utilizzato per l’esecuzione di analisi come l’umidità, le proteine, la sostanza secca, le fibre e le ceneri su matrici foraggi e mangimi.
Lo strumento è progettato per operare anche in ambienti difficili, garantendo precisione e accuratezza.
Lo strumento utilizza un monocromatore collaudato, con dispositivi di rilevamento sensibili per migliorare il rapporto segnale/rumore e ridurre il rumore esterno. L’apparecchiatura sfrutta l’energia spettrale nel vicino infrarosso, nell’intervallo 400 2500 nm, per illuminare il campione. Attraverso la misurazione dell’energia riflessa, è possibile determinare le informazioni chimiche e la composizione. L’interfaccia è fornita dal software ISIscan Nova, utilizzando delle funzioni che permettono una diagnostica completa dello strumento, oltre a memorizzare tutti i risultati in un database SQL.

Il principio di funzionamento prevede che un campione, macinato o non macinato, venga posizionato su una tazzina porta campione. Per mezzo della rotazione di quest’ultima, tutte le parti dei campioni vengono scansionate. La misura della riflettanza multipunto consente un’accurata analisi del campione. L’analisi può essere eseguita con una gamma di tazzine porta-campione diverse. Quella piccola è destinata a campioni fini in forma granulare o in polvere e a prodotti facili da comprimere. La tazzina grande invece viene utilizzata per campioni non macinati o granulosi.

La ditta Foss fornisce anche un campione di controllo artificiale al fine di verificare la stabilità dell’apparecchiatura, che viene analizzato come un normale campione di routine.

Il NIRS DS3

Il NIRS DS3 è uno strumento prodotto dalla ditta Foss che può essere utilizzato per l’esecuzione di analisi come l’umidità, le proteine, la sostanza secca, le fibre e le ceneri su matrici foraggi e mangimi.
Lo strumento è progettato per operare anche in ambienti difficili, garantendo precisione e accuratezza.
Lo strumento utilizza un monocromatore collaudato, con dispositivi di rilevamento sensibili per migliorare il rapporto segnale/rumore e ridurre il rumore esterno. L’apparecchiatura sfrutta l’energia spettrale nel vicino infrarosso, nell’intervallo 400 2500 nm, per illuminare il campione. Attraverso la misurazione dell’energia riflessa, è possibile determinare le informazioni chimiche e la composizione. L’interfaccia è fornita dal software ISIscan Nova, utilizzando delle funzioni che permettono una diagnostica completa dello strumento, oltre a memorizzare tutti i risultati in un database SQL.

Il principio di funzionamento prevede che un campione, macinato o non macinato, venga posizionato su una tazzina porta campione. Per mezzo della rotazione di quest’ultima, tutte le parti dei campioni vengono scansionate. La misura della riflettanza multipunto consente un’accurata analisi del campione. L’analisi può essere eseguita con una gamma di tazzine porta-campione diverse. Quella piccola è destinata a campioni fini in forma granulare o in polvere e a prodotti facili da comprimere. La tazzina grande invece viene utilizzata per campioni non macinati o granulosi.

La ditta Foss fornisce anche un campione di controllo artificiale al fine di verificare la stabilità dell’apparecchiatura, che viene analizzato come un normale campione di routine.

© AAFVG. All rights reserved.